by TheCoevas: Musicians of Words / Strumentisti di Parole

Nobile semplicità, quieta grandezza: Laocoonte

Antico gruppo scultoreo in marmo (Musei Vaticani), che rappresenta il sacerdote Laocoonte e i due figli stritolati a morte dai serpenti, così puniti da Poseidone per aver avvisato i troiani della pericolosità del cavallo di legno donato dai greci; l’episodio è narrato da Virgilio nell’Eneide, II 199-231. Solitamente l’opera è datata II o I secolo a.C. oppure I secolo d.C., anche se si è discusso a lungo sul fatto che si tratti di un’opera originale ellenistica o di una copia romana. Plinio dichiara che la statua era collocata nel palazzo romano dell’imperatore Tito e sostiene che fu scolpita da Agesandros, Polydoros e Athenodoros di Rodi, descrivendola come “un’opera che deve essere preferita a tutte quelle prodotte dalla pittura e dalla scultura”. Questo elogio risuonò a lungo dopo la scomparsa del gruppo scultoreo, e nel 1506 la sua spettacolare scoperta in una vigna di Roma produsse un’impressione travolgente, soprattutto su Michelangelo, che corse immediatamente a vederla. La sua influenza liberatoria nella rappresentazione delle emozioni continuò a essere importante per la scultura barocca, e sino al XIX secolo fu ritenuta (insieme all’ Apollo del Belvedere e al Torso del Belvedere) come una delle più splendide opere dell’antichità (tanto che nel 1530 circa Tiziano ironizzò su tale adorazione creando una xilografia dove le figure umane erano trasformate in scimmie). L’opera acquistò un nuovo significato estetico grazie a Winckelmann, che la interpretò come un supremo simbolo della dignità morale dell’eroe tragico e come l’esempio più completo di quella “nobile semplicità e quieta grandezza” che lui riteneva l’essenza stessa dell’arte greca nonché la chiave della vera bellezza. Nel 1766 Lessing scelse Laocoonte come titolo del libro nel quale confutava le teorie di Winckelmann. La statua del Laocoonte fu uno dei grandi trofei che Napoleone portò via dall’Italia e rimase a Parigi dal 1798 al 1815. Fu restaurata molte volte dal suo ritrovamento, ma negli anni Cinquanta del Novecento fu eseguito un restauro radicale che ricollocò l’originale braccio destro del sacerdote nella posizione corretta, dietro la testa. Anche se non è più considerata come uno dei supremi capolavori mondiali, non è discesa nella stima generale quanto altre opere in marmo un tempo riverite; continua ad avere un grande potere sull’immaginazione collettiva e viene descritta in quasi tutte le storie generali dell’arte.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...