by TheCoevas: Musicians of Words / Strumentisti di Parole

Federico Fellini: Otto e mezzo (riflessioni di Guido e dell’intellettuale)

“É un po’ difficile per me stabilire il limite di “Otto e mezzo”, cioè dove comincia e finisce il fatto personale e dove invece comincia il ritratto di un tipo, la descrizione della mia immagine in quanto diventa tipo. É una distinzione che non mi interessa fare, che non voglio fare e che non vedo nemmeno l’utilità di fare. All’accusa di autobiografismo io non so che cosa rispondere. So solo che il mio proposito era di parlare della vita di un regista che si trova in pasticci di carattere spirituale, in una specie di confusione. Di chi dovevo parlare? É evidente che affrontando un tema come questo, cioè la confessione più sincera, più abbandonata, io ritenessi che più il film è autobiografico più diventa oggettivo; quindi questa accusa non sono riuscito nemmeno ad afferrarla bene nel suo significato, se cioè tenda a diminuire o a precisare il limite dell’opera; non sono riuscito ad afferrare in che senso era detta, dato che il film era proprio questo: una confessione sincera, anzi sincerissima, anzi sincerissima – per me naturalmente – pur se con quel tanto di artificio, con quel tanto di trucco nobilissimo che un uomo che si mette di fronte agli altri per raccontare una cosa deve mettere in opera per poter comunicare.”

Federico Fellini

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...